The Hateful Haters

The Hateful Haters

Ogni riferimento a opinioni di persone reali è puramente casuale.

NOTA PER LA COMPRENSIONE: Il modello di sviluppo aperto scelto da Epic per Unreal Tournament non è una scelta facile. La quantità di haters che si avvicinano al progetto è copiosa e costante. Ma hanno ragione? Ne abbiamo scelte e analizzate 3 categorie.

I catastrofisti sono, in particolare, il gruppo di haters più passionale e dai modi più rudi e offensivi. Basterebbe questo per relegarli dalla parte del torto ed ignorarli ma diamogli una chance.

La loro protesta nasce dal fatto che, secondo loro, non sono stati compiuti progressi tangibili da quando UT è in sviluppo. Ovviamente è sufficiente uno sguardo ad uno dei primi video per accorgersi che non è così. Ma da cosa nasce questa animosità?

Credo che i motivi principali siano due. Il primo è che non è facile accorgersi delle tante prove graduali per chi non è addentro alla comunità e non sta seguendo il progetto. La seconda cosa è che pochissime persone conoscono il reale funzionamento dello sviluppo di un videogioco e Unreal Tournament è una grande atipicità in questo senso: abbiamo “visto tutto” fin dalle primissime ore!

Vediamo di chiarire un po’ queste fasi. Al momento siamo ancora in Pre-Alpha. Questa fase, fondamentalmente, è un grande prototipo in cui vengono provate tutte le idee più strambe, iniziano ad essere implementati i primi sistemi del gioco e si ragiona su come espanderli. Questa fase è una delle più lunghe dello sviluppo (a volte anche 5 anni!) e viene tenuta nascosta al pubblico perché le features vengono e, se non funzionano, vanno. E non è mai facile far accettare al grande pubblico che qualcosa verrà eliminato dopo che glielo hai dato.

La fase Alpha verrà subito dopo di questa. Un gioco raggiunge la Alpha quando i suoi componenti chiave sono stati implementati ma non sono ancora completi. Alcune funzionalità extra possono ancora essere aggiunte ma, in genere, se qualcosa è incompleto viene scartato. L’Alpha può dirsi conclusa quando tutti i pezzi sono al loro posto.

Alla fine della Alpha arriva invece la Beta, una fase molto più conosciuta dai giocatori. Qui si compiono i progressi più visibili poiché vengono aggiunte le varie componenti artistiche per completare la parte grafica e sostituire tutti i “placeholder”, ovvero le grafiche e i modelli provvisori che generalmente fanno schifo ma che sono stati utili per provare se qualcosa funzionava o meno. Il gioco avrà tutte le funzionalità e ci saranno un sacco di bug fix. È possibile, ed estremamente probabile, che continueranno ad esserci aggiustamenti al gameplay basati sulle opinioni della comunità che a questo punto inizierà ad espandersi sensibilmente.

Insomma può non sembrare ma siamo sul sentiero!

Passiamo invece agli “Ascoltatemi! Sono importante!”, meno numerosi del gruppo precedente ma più rumorosi!

Questo gruppo è in maggioranza composto da  giocatori di UT di vecchia data che chiede di riavere delle feature dei capitoli precedenti. Tra questi, ahimè, ci sono anche io. In particolare per il passaggio da un’arma all’altra più veloce.

Anche se può non sembrare i ragazzi di Epic leggono tutto quello che accade nel forum e sono al corrente delle richieste, ne hanno dato prova più e più volte su Discord. Semplicemente non sono disponibili a mettere nel gioco tutto quello che viene richiesto a comando, specialmente se prima hanno qualche altra alternativa da provare.

Come queste priorità vengano definite non ci è dato saperlo. È ovvio che i test interni, la raccolta delle statistiche di utilizzo delle armi e delle varie modalità di gioco hanno un certo peso. È vero, a volte vengono inserite modifiche che sembrano inspiegabili, come ulteriori potenziamenti al Flak nonostante sia già estremamente potente, ma come si possono criticare queste modifiche senza sapere il piano generale? Potrebbero essere modifiche incrementali su di una versione che poi verranno scartate del tutto e si tornerà a valori di mesi fa in un colpo solo!

Veniamo ai “No Steam, No Party”. Beh, certo. Il MMORPG più giocato del mondo (World of Warcraft) è su Steam. No? ;)

Meglio ancora: possiamo fare l’esempio contrario con un diretto concorrente di UT, Toxikk. Questo è su Steam ma non mi sembra che stia godendo automaticamente di un successo così strepitoso. (Purtroppo, provatelo! Non è male e meriterebbe sicuramente un po’ di pubblico in più)

Insomma, la morale è sempre la stessa: è bello appassionarsi allo sviluppo e chiedere una feature che si vorrebbe vedere nel gioco ma facciamolo come si deve! Senza alzare i toni perché non servirà a nulla, motivando la richiesta in maniera sensata e (se siamo in grado) mettendo mano ai blueprint e facendo un mutator della nostra idea da poter provare.